Accesso alle Informazioni Ambientali

La legislazione italiana, con il D. Lgs. 195/2005, ha recepito una direttiva europea sulla trasparenza in materia di questioni ambientali. Il Decreto Legislativo 195 del 2005 (che, come tutti i decreti legislativi ha valore e rango di legge dello stato) stabilisce che le informazioni in materia ambientale (e non solo gli “atti” o i “documenti”) devono essere rese accessibili a chiunque ne faccia richiesta, indipendentemente dal fatto che questo chiunque sia una persona, un comitato o un’associazione più o meno riconoscuta, e che ne abbia un interesse concreto e materiale.

In altre parole, mentre per il normale e “classico” accesso alla documentazione amministrativa (stabilito dalla famosa Legge 241/90) occorre che il richiedente dimostri e dichiari a che titolo richiede quella stessa documentazione (e solo la “documentazione”, non il concetto più ampio di “informazione”), per le informazioni ambientali non è tenuto ad avere e/o dichiarare il perchè della propria richiesta.

Ora, visto l’attacco dell’industria ai territori, che vede correntemente una connivenza delle amministrazioni e dei politici locali, se si vuole agire in modo razionale, coordinato ed efficace, in difesa di un territorio, è imprescindibile fare il punto della situazione su quello stesso territorio. E quindi ricevere informazioni su quello che ci succede e di cui la pubblica amministrazione è a conoscenza.
E’ quindi necessario disporre delle informazioni (tutte le informazioni) sui progetti di centrali eoliche in via di presentazione, o già presentati, sui rispettivi territori, o perchè se
ne è letta notizia sui giornali, o perchè si è visto che in una tale località è stato installato un anemometro.

Per questo è stato elaborato un modello di richiesta di accesso alle “informazioni ambientali” (concetto ben più incisivo rispetto all'”accesso ai documenti” della legge 241/90), modello pensato e redatto per stroncare sul nascere le prevedibili resistenze (o, meglio, le renitenze) delle amministrazioni locali, che tra l’altro spesso, a volte anche in buona fede, continuano a conoscere l’accesso ai documenti (o, come si dice spesso impropriamente, agli “atti”) secondo la Legge 241/90, che non riguardava solo il campo ambientale.

Alleghiamo un testo base, un esempio, per avanzare una richiesta di accesso alle informazioni ambientali.
>> Scarica il modulo con il testo base

Il testo è un po’ lungo, ma contiene degli “altolà” che lo blindano o quasi.
Fatelo vostro, tenendo conto delle raccomandazioni che via via ci trovate annotate in TUTTO MAIUSCOLO.
Non serve che la firma alla richiesta di accesso sia autenticata, e nemmeno, che sia accompagnata dalla fotocopia di un documento di riconoscimento del richiedente: se proprio lo si vuole allegare, lo si faccia, ma si tratta di una di quelle istanze in cui l’identità del
richiedente non ha una specifica rilevanza.

Please publish modules in offcanvas position.