Il Presidente nazionale della Associazione Italiana Wilderness Aldo Giorgio Salvatori, dalla sala stracolma di centinaia di delegati degli Stati Generali, stigmatizza l'assenza dei politici, dei media e "di alcune grandi associazioni storiche" (Legambiente, WWF e FAI). "Da che parte stanno? Lo dicano chiaramente".

 

 

 

Anche l’Associazione Wilderness ha partecipato agli “Stati generali contro l’eolico e il fotovoltaico a terra” indetti dalla Coalizione Articolo 9, tenutisi a Roma lo scorso 22 maggio per contrastare il proliferare imperante delle centrali eoliche e fotovoltaiche, che tanto danno stanno arrecando al paesaggio e all’agricoltura. In quanto membro della Coalizione Art. 9 (della Costituzione), l’Associazione Wilderness è stata rappresentata dal Presidente nazionale Aldo Giorgio Salvatori e da alcuni Soci attivi. Nel suo intervento, applaudito più volte, Salvatori ha fatto notare l’assenza di quelli che lui ha definito i «Convitati di Pietra», invisibili, ma clamorosamente recidivi nella loro reiterata indifferenza al problema. «Prima di tutto i politici», ha detto Salvatori, «ma si sa, il loro coraggio è quasi sempre quello di Don Abbondio: non vogliono scontentare nessuno e perciò non prendono posizione su argomenti scottanti. Addolora l’assenza di alcune grandi associazioni storiche, ma non stupisce. Mi riferisco a Legambiente, che addirittura ha scelto di organizzare tour ‘ecologici  per mostrare la bellezza dei ‘parchi eolici’, un vero ossimoro semantico. Meno comprensibile l’assenza del WWF e del FAI.

Da che parte stanno? Lo dicano chiaramente, perché finora non si sono espressi. Anche per loro, come per i politici, meglio non impegnarsi in battaglie scomode. Infine i media. Vedete giornalisti qui? Nessuno, mi pare. Nel 95 per cento dei casi, anche loro fanno finta di non vedere. Non vedo, non sento, non parlo. L’eolico e il fotovoltaico sono patate bollenti. I direttori e gli editori preferiscono non  parlarne, se non per osannare la transizione green, che green non è per niente. Ci stanno rubando l’orizzonte», ha continuato Salvatori, «e con esso il paesaggio unico italiano, quello decantato dai viaggiatori del Grand Tour. I monti dell’Appennino ‘meraviglia del Creato’ per Goethe, oggi devastati da centinaia di grattacieli eolici, i territori ‘liberi e vasti’ della Sardegna per David Herbert Lawrence, anch’essi deturpati dalle gigantesche torri del vento, la commistione mirabile di vestigia del passato, natura rigogliosa e opere dell’uomo per Gregorovius, oggi compromessa in gran parte da distese di specchi del fotovoltaico e dalle selve di metallo e vetroresina dell’eolico. Dobbiamo reagire», ha concluso il presidente «dobbiamo impedire che ci rubino l’ultimo orizzonte.»

"Non è con la speculazione delle multinazionali che coprono con l' eolico e il fotovoltaico le nostre regioni che noi faremo la transizione energetica, ma coinvolgendo le popolazioni locali e facendo decidere a loro dove e come fare la transizione".

 

 

Riportiamo, dal lancio dell'ANSA di ieri, dal titolo "Schlein, 'assalto eolico non è transizione energetica' ", la dichiarazione rilasciata a Nuoro dal segretario nazionale del Partito Democratico Elly Schlein:

"Non è con la speculazione delle multinazionali che coprono con l' eolico e il fotovoltaico le nostre regioni che noi faremo la transizione energetica, ma coinvolgendo le popolazioni locali e facendo decidere a loro dove e come fare la transizione".

"Speculazione", dunque. Riconosciuta senza se e senza ma. Come da noi della Rete della Resistenza sui Crinali sostenuto da almeno quindici anni.

"Speculazione": una parola che veniva rigettata con sdegnato raccapriccio dalle vergini dai candidi manti dell'eolico e dai loro sponsor politici, tra i quali si sono sempre distinti proprio gli amministratori locali del PD.

Non solo "speculazione" ha detto la Schlein a Nuoro, ma "speculazione delle multinazionali che coprono con l' eolico e il fotovoltaico le nostre regioni". La Schlein ha dunque ammesso anche che ad operare sono le "multinazionali" e che le pale ed i pannelli, con queste regole del gioco, sono destinate inevitabilmente a "coprire le nostre regioni".  

Un "contrordine compagni", questo della Schlein, d'altri tempi, che sembra partorito dalla perfida fantasia del compianto Giovanni Guareschi.

La novità è clamorosa perchè cambia, con un'autentica inversione ad U, l'approccio, fin qui seguito dal PD, da "centralismo democratico" ("leninista" non si può più dire: "Lenin" è una parola diventata, per i nostri "progressisti", politicamente scorretta) in cui ogni sfregio paesaggistico era non solo consentito ma addirittura encomiabile al fine di "salvare il Pianeta". Notizia clamorosa e tuttavia ignorata (finora) da tutti i quotidiani nazionali tranne la solita Staffetta Quotidiana, sulla cui Home page di oggi 20 maggio campeggia il titolo "Rinnovabili, il PD contro la “speculazione energetica” ".

Come si cambia per non morire, cantava un tempo quella simpatizzante del Partitone dalla voce sensuale. Miracoli dei sondaggi pre-elettorali? Giorgia Meloni si era già accorta da tempo che le famiglie italiane (drammaticamente impoverite dai sempre più bislacchi e pervasivi diktat dell'European green deal) non ne potevano più delle "eco-follie" e delle prepotenze di chi vuole dare ad intendere di "salvare il Pianeta" piantando le proprie pale eoliche dovunque e a proprio capriccio.

 

Ma se la Meloni, la Schlein, Tajani, Salvini, e pure Calenda e Renzi hanno ormai tutti perfettamente capito che sfregiare il nostro Paese con le pale eoliche sui crinali e nei posti più belli d'Italia e con i pannelli fotovoltaici nei campi è funzionale solo alla "speculazione" delle "multinazionali" dell'energia, perchè fin da domani, prima delle elezioni europee, non aboliscono in Parlamento, a furor di popolo, le infami "Semplificazioni" introdotte dal governo Draghi per favorire gli speculatori?

E ancora: la Meloni e la Schlein, visto che il loro confronto televisivo sulla RAI non è stato autorizzato, domani non potrebbero incontrarsi per fare due chiacchiere e approfittare per dare un colpo di telefono agli organizzatori degli Stati Generali contro eolico e fotovoltaico a terra, dicendo loro che la manifestazione di mercoledì a Roma è diventata inutile perchè l'ottanta per cento dei rappresentanti del popolo in Parlamento è perfettamente d'accordo con il loro manifesto?

Poi la Schlein dovrebbe telefonare all'assessore all'Ambiente della Regione Toscana Monia Monni, informando anche lei che la transizione energetica va fatta "coinvolgendo le popolazioni locali e facendo decidere a loro dove e come fare la transizione". Un concetto elementare per un'assessore regionale all'Ambiente, ma che la Monni non ha affatto chiaro.

Stiamo facendo riferimento all'impianto eolico del Giogo di Villore.

L'impianto, come noto, è stato autorizzato contro il parere della Soprintendenza toscana, il buon senso ed ogni logica (e soprattutto irridendo alle popolazioni locali a cui si richiama adesso la Schlein) dalla Giunta della Regione Toscana del governatore PD Giani con il placet della Regione Emilia-Romagna del governatore PD Bonaccini. Autorizzazione che è assurta agli onori delle cronache nazionali per la reazione del tutto fuori misura di Vittorio Sgarbi alle ipocrite parole dell'assessore Monni del PD, pronunciate in quell'occasione: "Se vogliamo davvero salvare il pianeta, dobbiamo anche avere il coraggio di cambiare un po' il paesaggio per proteggerlo", che riprendeva senza pudore un analogo slogan pubblicitario della Edison, società controllata interamente dalla multinazionale francese Électricité de France.

Ora il contrordine della Schlein cambia le carte in tavola.

E infine la Schlein dovrebbe informare del contrordine anche Legambiente (creata a suo tempo dal PCI per penetrare nel movimento ambientalista), recentemente accusata da Italia Nostra di essere «una lobby delle rinnovabili», che, oltre ad attaccare sgangheratamente le Soprintendenze che fanno il loro lavoro di tutela, gioca un doppio ruolo in commedia e addirittura persevera nel sostenere che «le rinnovabili sono belle e si devono vedere».

A proposito di Legambiente, come vanno i tesseramenti nelle zone impestate dalle pale eoliche?

 

Alberto Cuppini

 

Il 22 maggio 2024 a Roma i Sindaci e i rappresentanti delle Comunità aggredite da eolico e fotovoltaico a terra, insieme alle Associazioni che difendono il paesaggio e la biodiversità, manifesteranno tutto il loro dissenso verso una transizione energetica che occupa gli spazi naturali e agricoli, non aiuta la decarbonizzazione, pesa sulle bollette e sulle tasse dei cittadini e va ad esclusivo beneficio del business internazionale delle fonti elettriche intermittenti. Pubblichiamo il testo integrale del Manifesto di adesione. Per aderire clicca qui e vieni a Roma! Abbiamo ripreso l'articolo dall'Astrolabio di oggi.

 

 

 

Stop all’invasione

Manifesto degli Stati Generali delle Aree Interne contro eolico e fotovoltaico a terra – 22 maggio 2024.

 

Chi siamo e per cosa ci stiamo battendo.

 

Siamo gli abitanti delle campagne, delle colline, dei monti degli Appennini e delle grandi isole. Viviamo sotto i crinali, nelle valli, sugli altopiani e sulle coste affacciate sul Mediterraneo.  Siamo rappresentanti e ospiti di terre e città antiche dove natura e cultura, bellezza e civiltà sono inscindibili, da secoli. Siamo custodi di una identità comune, preziosa per l’intero paese. Luoghi e comunità falsamente raccontati come Italia minore che, invece, sono unici al mondo per l’opportunità che offrono di testimoniare il passato e, insieme, di promettere un futuro singolare e innovativo. 

Per anni ci siamo battuti contro abbandono e spopolamento e, ora, il sogno di riuscire a realizzare insieme conservazione e innovazione viene spazzato via da progetti di industrializzazione uniforme e forzata di tutto il territorio naturale e agricolo, indipendentemente dalle diverse vocazioni e aspirazioni. E non si tratta nemmeno di una trasformazione che porti lavoro e benessere. È piuttosto l’esproprio finale del patrimonio che abbiamo, quello della natura e del paesaggio. A beneficio di imprese che portano la ricchezza prodotta e i profitti altrove. Imprese che non rischiano il proprio denaro ma incassano incentivi sicuri, prelevati dalle bollette dei cittadini utenti e dell’industria vera.

Siamo invasi e occupati senza scampo

La Regione Toscana ha rinviato a data da destinarsi la conferenza dei servizi che si doveva tenere il 18 aprile 2024 per l’impianto eolico industriale “Badia del Vento”, che dovrebbe sorgere in alta Valtiberina al confine con la Romagna. Nel frattempo erano arrivate innumerevoli osservazioni e contributi tecnici che evidenziano l’insostenibilità di impianti eolici di proporzioni enormi sui fragili crinali dell’alta Valmarecchia e Valtiberina.

 

 

La Regione Toscana ha rinviato a data da destinarsi la conferenza dei servizi che si doveva tenere il 18 aprile 2024 per l’impianto eolico industriale “Badia del Vento”, che dovrebbe sorgere in alta Valtiberina al confine con la Romagna. Le motivazioni non sono state chiarite nello scarno comunicato pubblicato sul sito della Regione Toscana, ma nel frattempo erano arrivate ulteriori osservazioni e contributi tecnici che evidenziano l’insostenibilità di impianti eolici di proporzioni enormi sui fragili crinali dell’alta Valmarecchia e Valtiberina.

 

Insostenibile per le aree naturali protette: a dirlo è la stessa Direzione della tutela dell’ambiente della Regione Toscana, che conclude il proprio contributo istruttorio evidenziando che persistono <<elementi di dubbio sull’assenza di incidenze negative significative sull’integrità dei Siti Natura 2000… e su specie di interesse per la conservazione caratterizzanti…>>. Dello stesso parere anche il Parco interregionale del Sasso Simone e Simoncello, che evidenzia <<gli impatti e le incidenze quantomeno significative del progetto… considerato che l’area dell’impianto, per le sue caratteristiche strutturali, è frequentata per alimentazione da individui di Aquila reale, Biancone, Falco pecchiaiolo, Albanella minore…oltre che da Chirotteri…>>.

 

Fatih Birol, il direttore dell'Agenzia Internazionale per l'Energia (AIE) preso a calcioni dalla commissione per l'Energia della Camera dei Rappresentanti USA per timore che "abbia perso il focus della sua missione di sicurezza energetica ed abbia invece spostato l'attenzione e le risorse sulla promozione della politica climatica, a scapito della sua missione principale". Da questo momento gli organismi istituzionali sanno che sono personalmente responsabili, con effetti retroattivi, della loro adesione fideistica alle "politiche climatiche". Migliaia di tecnici delle Amministrazioni, di professori universitari e di giornalisti del servizio pubblico si scoprono improvvisamente a rischio licenziamento, al pari di Birol. Il testo integrale della missiva del Congresso USA a Birol tradotto in italiano.

Le teste d'uovo che negli ultimi anni hanno modellato la politica energetica dell'Occidente riunite a Davos in occasione del World Economic Forum 2023.
Da sinistra a destra, Vanessa Nakate, Greta Thunberg, Fatih Birol, Luisa Neubauer e Helena Gualinga. Foto: Twitter @FBirol.

 

Notizia clamorosa. Non solo nella sostanza ma anche nei toni (brutali e inquisitori) adottati.

Il 21 gennaio scorso è stata inviata una lettera aperta ai presidenti delle regioni Toscana ed Emilia Romagna per richiamare l'attenzione sui rischi connessi ad installazioni di impianti eolici estremamente impattanti sul fragile territorio appenninico del Montefeltro. Sono passate alcune settimane ma non è giunta alcuna risposta.

 

 

Il 21 gennaio 2024 è stata inviata una lettera aperta ai presidenti delle regioni Toscana ed Emilia Romagna, rispettivamente Eugenio GianiStefano Bonaccini con l’obiettivo di richiamare l'attenzione sui rischi connessi ad installazioni di impianti eolici estremamente impattanti sul fragile territorio appenninico del Montefeltro.

La lettera è stata sottoscritta da alcuni nomi di spicco in ambito culturale quali il direttore d’orchestra riminese Manlio Benzi, il Direttore dell'Accademia di Belle Arti di Urbino, Luca Cesari, il Docente di Arte Sacra e di Iconografia e Iconologia all’Istituto Superiore di Scienze Religiose di Rimini-San Marino, Alessandro Giovanardi, insieme a molti altri, tra cui diversi esponenti del mondo dell’arte, della musica, del mondo universitario e della Ricerca.

 

Hanno firmato la lettera anche diverse associazioni, in particolare Italia Nostra sezioni Valmarecchia, Firenze e Forlì-Cesena, WWF Forlì - Cesena e Rimini, I Cammini di Francesco in Toscana, Club Alpino Regione Toscana, Associazione D’là de Foss, Amici della Terra, L’Astrolabio, Atto Primo salute ambiente e cultura, Mountain Wilderness Italia, Associazione Chiocciola e tante altre associazioni che insieme a liberi cittadini si sono uniti per la tutela di questo territorio da un’enorme bolla speculativa legata all’industria eolica (siamo ad oggi arrivati a circa 60 aerogeneratori di grandissima taglia previsti a seguito di abbattimenti di ettari di bosco e a ridosso di nuclei storici, beni tutelati e aree naturali protette e prospicienti zone di dissesto idrogeologico). 

Tra i firmatari anche il sindaco di Casteldelci, comune romagnolo confinante con la zona di crinale toscana individuata per installare il primo di una serie di progetti, presentati nella Regione Toscana, che andrebbe a modificare radicalmente e irreversibilmente l’habitat dell’alta Valmarecchia e della Valtiberina.

Sono passate alcune settimane ma non è giunta alcuna risposta.

Di seguito si riporta uno stralcio del testo della lettera

 

La Bellezza salverà il mondo.

Si sarebbe tentati di credere che, almeno in parte, nei processi decisionali, si tenga davvero conto del significato profondo di questa citazione oggi comunemente abusata.
Con amarezza, invece, ci si ritrova costantemente di fronte a delusioni cocenti.
Come nel caso specifico, oggetto della nostra lettera…numerosi enti, associazioni e gruppi di liberi cittadini, nei mesi scorsi, hanno presentato una lunga lista di  contributi e di osservazioni per evidenziare, con dati oggettivi, le enormi criticità e, in estrema sintesi, l’inidoneità dell’area ad ospitare questo tipo di impianti eolici - e tutto il loro indotto - nonché il concreto rischio per la sicurezza del territorio, esortando la Regione Toscana a tenere conto degli effetti cumulativi che si
genererebbero per la realizzazione delle infrastrutture, nel rispetto delle direttive europee…

Nell’implementazione di questo progetto di impianto eolico e di tutti gli altri che sono stati presentati in seguito - che andrebbero a colonizzare letteralmente tutto il crinale appenninico di confine fra alta Valmarecchia e Valtiberina - non è stata prevista alcuna forma di partecipazione, negoziazione e confronto con le comunità locali.

Anzi, chi abita e ama il territorio è costretto a vivere il paradosso di doversi difendere proprio da chi dovrebbe svolgere un’azione di tutela, secondo un esplicito articolo della Costituzione.
Il danno imposto dai signori dell’industria eolica sarebbe enorme: un territorio massacrato e ridotto a periferia industriale - con danni collaterali enormi per la biodiversità e per l’economia locale, in primis le attività turistiche e culturali.
Non possiamo che rilevare come il concetto di sostenibilità e quello di transizione energetica, sfruttato per sostenere la necessità di tali operazioni, abbia in realtà perso ogni valore e sia ormai ridotto a mero slogan che legittima ogni azione e forma di estrattivismo e sfruttamento dei territori.
Siamo purtroppo di fronte a una condizione di inganno concettuale in cui diviene possibile una contrapposizione elettiva tra il Bene e la Bellezza, una distinzione astratta e strumentale tra l'ambiente e il paesaggio, tra idealismo delle istanze estetiche/paesaggistiche e realismo delle necessità economiche.

La narrazione corrente parla infatti di "sacrificio necessario". Il sacrificio della Bellezza.

Crediamo che questo sacrificio non sia necessario.

Crediamo che l’inestimabile patrimonio comune del nostro paese non debba vivere sotto minaccia costante.
Chiediamo a coloro che decidono di fermarsi e riflettere.
Chiediamo che l’opinione delle persone, dei cittadini, degli abitanti di questo paese, venga tenuta in considerazione e non sia costantemente ignorata o, peggio, schernita.
Chiediamo che chi ha la responsabilità di tutelare gli interessi della collettività, di fronte alla crisi energetica e ambientale correnti prenda decisioni in modo serio, trasparente e pianificato senza lasciare il tutto alla mercé del libero mercato.

Fiduciosi che prevalgano Buon Senso e Legittimità, porgiamo i nostri più cordiali saluti.

 

 

 

La pseudoreligione green riempie un vuoto che altri hanno lasciato sguarnito. Karl Marx scrisse che la Storia si ripete due volte, la prima come tragedia e la seconda come farsa. Così è stato possibile passare senza colpo ferire da Marx-Lenin-Mao a Greta-Timmermans-Ursula, da L'Oriente è rosso a L'Occidente è verde.

 

 

Ormai è evidente che è impossibile discutere di pale eoliche senza discutere del culto pagano della green economy. Ed è impossibile discutere di green economy senza discutere di politicamente corretto o, come si dice ormai da qualche tempo, di ideologia woke (o cancel culture, o destroy culture, o come preferite voi, tanto sappiamo che sempre di quello stiamo parlando). Ideologia, appunto. Ogni razionalità è del tutto scomparsa. Cercare di ragionare su un qualsivoglia argomento con gli adepti della nuova ideologia (che raccoglie la gran parte delle élite italiane) è perciò del tutto inutile, a cominciare dalla distruzione (destroy culture...) del paesaggio italiano con le pale eoliche su tutti i crinali appenninici.

Con i nuovi dati economici in arrivo dalla Germania ("Una Spoon River macro") cominciano però a sorgere i primi dubbi che non ci sarà un lieto fine persino sui quotidiani della Destra istituzionale e filoeuropeista, quella da sempre preoccupata di non seminare il panico nella popolazione, che deve continuare a guardare la televisione ed a comperare (anche col credito al consumo, se i soldi a fine mese non bastano più) senza avere troppi pensieri in testa.

Sempre a questo proposito, ma di un argomento burocratico specifico (ignoto a tutti gli italiani: i nuovi standard sul bilancio di sostenibilità) ha scritto (in modo eccellente) il Riformista, quasi a dimostrare come l'uscita di scena (?) di Renzi abbia istantaneamente giovato al quotidiano. Se n'è occupata l'otto marzo scorso Annarita Digiorgio nell'articolo "La direttiva UE che ammazza il business italiano".

Leggetelo tutto con attenzione dal sito web del Riformista. Evidenzio però l'inquietante capoverso finale, un meteorite sfuggito dall'oscuro disastro del giornalismo italiano asservito e iperconformista:

"Tra pochi giorni terminerà la consultazione pubblica aperta dal Mef e poi il decreto entrerà in vigore in Italia. Nessuno ha protestato, né i partiti né le associazioni datoriali o sindacali. Ormai l’ideologia woke sembra aver occupato il pensiero unico e nessuno vuole protestare per non sembrare cheap. Meglio soccombere."

Qui l'autrice tratteggia bene l'atteggiamento mentale ormai dominante non solo in Italia ma in tutta Europa (occidentale), che, come precedente storico, ricorda sinistramente quello degli ebrei che si avviavano mansueti nelle camere a gas. O quello dei cinesi durante la rivoluzione culturale, che sono stati salvati dalla morte per stenti solo grazie all'intervento dell'esercito (parte dell'esercito, meglio) contro le guardie rosse.

Traete voi le vostre conclusioni, anche considerando che le nostre élite, di derivazione sessantottina, sono cresciute proprio nel culto del maoismo, ignorando quale (triste) fine avessero già fatto in Cina gli studenti (gli studenti e le studentesse, come bisogna dire adesso. Soprattutto le studentesse) che giocavano alle guardie rosse.

Qualcuno pensa ad una (impossibile) soluzione soft (nella continuità) per riassorbire gli eccessi woke alle prossime elezioni europee.

Qualcuno pensa a ricette pasticciate, come Alternative für Deutschland, decollata fino al 24% nei sondaggi pre-elettorali quando i tedeschi si sono resi conto che si sarebbero dovuti fare carico delle pompe di calore obbligatorie (a proposito di eolico: guardate i punti 12 e 13 del loro programma).

Credo che, alla fine, per gli europei la medicina da ingurgitare per rimediare ai danni arrecati dall'ideologia in questi anni sarà ben più amara non solo di quella proposta dall'AfD, ma anche di quella proposta 90 anni fa dall'omino coi baffi, plebiscitato alle urne dai tedeschi ridotti alla disperazione dalla Grande Depressione.

Allegria!

 

Alberto Cuppini

 

 

Pagina 1 di 3

L'articolo del giorno

Parchi eolici nell'Appenino

Mappa interattiva delle installazioni proposte ed esistenti